Banksy Barely Legal. Tra stampe irreverenti ed elefanti “da parati”

Celebre per il suo iter difficoltoso e ambiguo, Barely Legal, la mostra di Banksy a Los Angeles, rimane una delle più controverse e chiacchierate degli ultimi anni. Corre l’anno 2006 e Banksy, già noto come uno tra i più influenti street artist contemporanei, consacra la sua enigmatica figura al mondo dell’arte nel suo personalissimo modo: attraverso la satira più sfrenata e l’ironia amara tipiche della denuncia sociale del writer inglese.

original
La settima opera di Barely Legal, le cui stampe non vengono mai realizzate

 

Per l’occasione, Banksy prepara un grande show, celato fino all’ultimo al grande pubblico, e non solo. Richard Duardo, il famoso tipografo statunitense, con il suo team della Modern Multiples, viene contattato da Banksy – grazie al collega Shepard Fairey AKA OBEY – nei mesi precedenti attraverso comunicazioni rade e sporadiche, finché, a dieci giorni dall’opening, l’artista arriva negli USA con una mole straordinaria di lavoro. Le stampe da realizzare vengono battezzate Barely Legal Print Set: sei matrici per un minimo di 500 copie ognuna. Il progetto prevede una settima opera, in realtà mai realizzata per la complessità cromatica e i tempi ristretti.

Obbligati a ritmi frenetici per rispettare la deadline, gli stampatori riescono nell’impresa e le copie possono essere rilasciate durante la mostra: delle 500 per ogni matrice, solo 100 sono numerate, firmate e marchiate dall’artista. Oltre alle copie stampate dalla Modern Multiples, solo la Pictures of Wall londinese ha i permessi per due ulteriori tirature, tutte realizzate entro il 2006: oltre questa data le matrici originali vengono distrutte. Entrambe le edizioni sono rare e rappresentano un’occasione particolare nella storia dell’arte contemporanea, legate indissolubilmente alla mostra-evento talmente discussa.

16bank_CA1.650

Il 16 settembre 2006 è la data prescelta per l’inaugurazione della mostra e la sua ricerca è una vera e propria caccia al tesoro: l’indirizzo della sede non è reso pubblico fino alla mattina stessa dallo stesso Banksy. All’opening partecipano personaggi rinomati del mondo dell’arte e non solo: artisti, curatori, critici e collezionisti, ma anche celebrità, musicisti e personalità influenti. All’ingresso del magazzino industriale dismesso, una grande sorpresa attende i visitatori: un elefante indiano (per lo sfruttamento dell’animale Banksy viene aspramente criticato e denunciato dagli animalisti), decorato con un pattern usato per carte da parati, circola liberamente nello spazio; all’entrata, vengono distribuiti dei volantini con la scritta:

«C’è un elefante nella stanza. Venti miliardi di persone vivono al di sotto della soglia di povertà.»

Una stoccata, una pungente provocazione che spinge alla riflessione che tutti dovrebbero compiere.

ID2754
Banksy, Morons LA Edition, Serigrafia a colori su carta, 57/500

Ugualmente penetrante è l’ironia che percorre tutte le serigrafie del Print Set: dal rosa pop pepto bismol di Grannies, che raffigura due anziane signore impegnate a ricamare dei maglioni di lana con le scritte “PUNK IS NOT DEAD” e “THUG FOR LIFE”, passando dal sarcasmo del primitivo Trolleys, dove cacciatori tribali accerchiano carrelli di un supermarket, alla battuta velenosa di Morons, con i suoi collezionisti d’arte che cercano di accaparrarsi un’opera che recita “I can’t believe you morons buy this shit”, Banksy conferma ancora una volta l’irriverenza insofferente della sua critica sociale e politica, scagliandosi contro la società consumistica contemporanea e la cecità della popolazione riguardo temi scottanti.

ID2753
Banksy, Grannies LA Edition, Serigrafia a colori su carta, 57/500
ID2749
Banksy, Trolleys LA Edition, serigrafia a colori su carta, 57/500

In occasione della mostra “Street Art. Da Basquiat a Banksy, i Re della Strada”, dall’ 8 ottobre 2017, Artrust esporrà anche le celebri opere della LA Barely Legal Edition, dedicando a Banksy uno spazio particolare. L’allestimento porrà in dialogo artisti contemporanei come El Bocho, Mr. Brainwash e Pure Evil, alcuni dei pionieri del graffitismo americano – SEEN, Cope2, Blade, ecc. – e personalità tra le più carismatiche e interessanti del secolo passato, come Keith Haring e Jean Michel Basquiat.

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

0

Start typing and press Enter to search