fbpx

JOAN MIRÓ
51 steps. An upward exhibition

Dal 16 settembre al 20 dicembre 2019

Presso Artrust SA, Via Pedemonte di Sopra 1, 6818 Melano CH.
dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 18
sabato, dalle 14 alle 18
altri orari su appuntamento, chiusura nei giorni festivi

Ingresso libero

LA MOSTRA

La capsule exhibition presenta una selezione di opere grafiche dell’artista, prevalentemente litografie e incisioni, risalenti agli anni Sessanta e Settanta, nelle quali si compie l’unione tra il magma immaginativo e inconscio dell’artista, e la sua razionale conoscenza delle procedure di produzione grafica. Laboratorio dalle inesauribili potenzialità elaborative, la grafica permette a Miró un’espressività libera e feconda, in grado di appagare la sua insaziabile curiosità.

miro_2019_sito_flyer
id2593
id1550
id1551

«Le mie figure sono state soggette alla medesima semplificazione che ha investito i miei colori. Semplificate, sono più umane e più vive di quanto sarebbero se fossero rappresentate in ogni minimo dettaglio. Rappresentate nel dettaglio perderebbero la loro qualità immaginativa, in grado di potenziare qualsiasi cosa»

 

51 STEPS
AN UPWARD EXHIBITION

Potenzialmente ogni spazio fisico può diventare uno spazio in grado di ospitare l’arte. L’idea di allargarci anche alle scale viene da questa consapevolezza e dall’idea che un percorso insolito, che parta dal basso per concludersi al termine della scalinata, possa essere la forma di visita ideale per far conoscere un artista o una particolare forma d’arte. Sintetizzandola nello spazio di 51 gradini e nel tempo necessario a percorrerli.

Patrizia Cattaneo Moresi, Direttrice di Artrust

JOAN MIRÓ

Joan Mirò nasce il 20 aprile 1893 a Barcellona. Figlio di un orefice e orologiaio, il giovane Joan mostra una passione per il disegno dall’età di 8 anni. Dopo aver frequentato una scuola commerciale, lavora come contabile in una drogheria, ma l’impiego gli causerà ben presto un esaurimento nervoso che lo spingerà a intraprendere gli studi d’arte. Frequenta la Scuola d’Arte Francesc Galì di Barcellona fino al 1915, quando affitta uno studio ed entra finalmente in contatto con altre personalità del mondo artistico. Nel 1920 si trasferisce a Parigi dove conosce Pablo Picasso, Francis Picabia e Tristan Tzara. Josè Dalmau organizza la sua prima personale alla Galerie la Licrone di Parigi, nel 1921; la mostra rappresenta il battesimo dell’artista nell’universo dell’arte. Il suo stile, già originalissimo, è influenzato dalle poetiche dadaiste fino al 1924, quando aderisce definitivamente al Surrealismo. Radicale teorico del movimento, sperimentatore instancabile e poliedrico dalla personalità ricchissima, Mirò viene descritto dallo stesso Breton, fondatore del Surrealismo, “il più surrealista di tutti noi”; la sua espressione artistica passa attraverso la pittura, la scultura, l’acquerello, il collage e soprattutto la grafica. Vince numerosi premi come il Gran Premio per la Grafica alla Biennale di Venezia del 1958 e il Premio Internazionale Guggenheim e riconoscimenti nazionali ed internazionali. Musei del calibro del MoMa gli dedicano retrospettive in tutto il mondo, consacrando uno degli artisti più influenti del secolo scorso. Muore il 25 dicembre 1983 nella sua casa a Palma di Maiorca.

COME ARRIVARE

Fotografie
Tutti i diritti riservati. Senza autorizzazione è vietata la riproduzione ed ogni altro utilizzo delle opere al di là dell’uso personale e privato.

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Start typing and press Enter to search